Marino Gabusi (ott 2001 - mag 2002)

Nato il 27.07.1958.

Curriculum artistico:
CSIA Lugano – Diploma Arti Grafiche
Liceo Artistico Varese – Diploma Maturità
Accademia Belle Arti Brera Milano – Diploma facoltà di Pittura ottenuta nella sessione estate autunno dell'anno accademico 1982-1983. Direttori di Accademia Andrea Cascella e prof. Domenico Purificato

Cattedre Professori:
1° anno Prof. Domenico Purificato
2° anno Prof. Saverio Terruso
3° e 4° ANNO Prof. Gottardo Ortelli
Tecniche pittoriche  Prof. Walter Lazzaro
Decoraz. applicata  Prof. Lorenzo Pepe
Storia dell'arte Prof. Gianfranco Bruno
Storia dell'arte italiana Prof. Guido Ballo
Corsi di approfondimento Prof. Raffaele De Grada – Luciano Caramel
Anatomia artistica - Prof. Alberto Simion – Chiara Maddalena
Incisione Prof. Pietro Diana – Luigi Fersini
Pedagogia e didattiche speciali dell'insegnamento Prof. Sanesi

Conclude glii studi con una tesi rivolta all'apprendimento e all'analisi delle opere esposte al Museo di Belle Arti di Villa Ciani a Lugano per il ciclo di Scuola Elementare, con la pubblicazione di un opuscolo distribuito in tutte le sedi SE del Canton Ticino.

Dal 1978 espone regolarmente le sue opere in personali e collettive in Svizzera e all'estero.

Attività svolte
Docente di Educazione Visiva e Educazione Tecnica SME. Ha eseguito decorazioni murali "tromp l'oeil" per enti pubblici e privati. Collabora con lo studio G. Passardi di Lugano nel campo del restauro. Ha fondato nel 1990 il gruppo RECICLARTE. Ha costituito nel 1999 con il Signor Pesenti Ugo responsabile dei laboratori presso l'Istituto Don Orione di Lopagno, l'Atelier sperimentale di Pittura per persone disabili Arte in Libertà. Attualmente alterna la sua attività di Artista Pittore, con l'attività presso il Foyer La Fonte di Neggio.
Dal 1999 è consulente artistico per la Fondazione Extrafid ART di Lugano.

Umanità Ambiente
di Marco Baranzini, Storico e Critico dell'Arte
Universi dentro "tele" luoghi quasi come recinti: è in questi universi e in questi luoghi che le rappresentazioni pittoriche di Gabusi Marino occupano sulla tela uno spazio ben definito, nella loro a volte silente e a volte chiassosa fisicità dove maree di folla si incrociano e si intrecciano, dando l'impressione di essere sempre alla ricerca di un "altrove" rispetto al mondo a cui appartengono. Pur non estranee alla realtà di cui si circondano, trapelano un desiderio oserei dire di fuga e d'evasione in questa ambiguità dei loro stati d'animo. In questo contesto, la deformazione della prospettiva e della figura è uno strumento indispensabile a cui l'artista si affida per mantenere l'equilibrio compositivo, nelle opere Umanità Ambiente troviamo prospettive volutamente falsate e addirittura irreali: si incrociano ombre in diverse direzioni, prospettive contrarie, lo stesso paesaggio non è raffigurato in vari momenti della giornata o in stagioni diverse, ma entro un'unica stagione che include un intero universo. Nella pittura Gabusi, grande importanza riveste oltre al fatto compositivo quello cromatico, nella sua tecnica fatta di varie sovrapposizioni di colori e velature che vanno dalle più svariate tonalità, dai rossi ai gialli ai blu e così via, in queste combinazioni vi si può trovare anche la componente casuale, certe macchie di colore, ad esempio, sono irripetibili perché sono improvvisate e perché derivano da pennellate spontanee. Nella pittura di Gabusi Marino infatti, se nell'impaginazione c'è uno studio ed una ricerca, mi sembra che il colore possa rappresentare il momento liberatorio, l'istinto e l'improvvisazione della sua pittura. Con questi lavori l'artista ci vuole indirizzare in quel micro-mondo emozionale in quel recinto che ognuno di noi si costruisce attorno, con i confini e i limiti che ci imponiamo, con i luoghi in cui riponiamo le nostre cose, "una sorta di cortile dove manteniamo gli oggetti inutili che non vogliamo gettare o il tesoro che vogliamo nascondere", le nostre memorie, tutto questo fa parte del nostro intimo più profondo, dove questo recinto che ci creiamo attorno è anche protezione, muro invalicabile, barriera, limite, confine, contenitore, un universo che chiaramente non troverete raffigurato sulle tele dell'artista il quale, ci invita però dentro una sorta di percorso individuale nel trovare rifugi oppure scoprire "prigioni" dove ci illudevamo fino a poco tempo fa di essere liberi. Voglio concludere affermando che il quadro per Gabusi, non è il racconto di un momento, la sensazione di uno stato d'animo, o una sequenza di immagini, ma bensì un universo emozionale dove momenti diversi ma conviventi tutti tra loro vanno a confluire in un'unica direzione, trasferendo così su tela il racconto che l'artista ci invita tutti a guardare e percorrere intimamente, anche per trovare o perdere per sempre il nostro recinto esistenziale.


Archivio artisti
Marino Gabusi (ott 2001 - mag 2002)
Lorenzo Cambin (mag 2002 - ott 2002)
Mara Poretti (ott 2002 - feb 2003)
Marco Prati (mar 2003 - giu 2003)
Olga Yanucovich (set 2003 - gen 2004)
Pauli Gut (feb 2004 - giu 2004)
Loredana Müller (giu 2004 - sett 2004)
Claudio Viscardi (ott 2004 - gen 2005)
Laura Pellegrinelli (mar 2005 - giu 2005)
Elisabetta Diamanti (lug 2005 - ott 2005)
Charlotte Krantz (gen 2006 - mar 2006)
Gabriela Spector (feb 2006 - apr 2006)
Marcello Corrà (lug 2006 - ott 2006)
Jean François (ott 2006 - gen 2007)
Ruth Moro (feb 2007 - apr 2007)
Gianni Poretti (mag 2007 - lug 2007)
Dina Moretti (ago 2007 - ott 2007)
Charo Marin (nov 2007 - gen 2008)
Loredana Selene Ricca (feb 2008 - apr 2008)
Antonella Reale (mag 2008 - lug 2008)
Hanspeter Wyss (set 2008 - ott 2008)
Gregory Vincent (nov 2008 - gen 2009)
Paola Ravasio (feb 2009 - apr 2009)
Anna Sala (mag 2009 - giu 2009)
Fabiola Quezada (ago 2009 - ott 2009)
Mariano Salerno (nov 2009 - gen 2010)
Vittorio Dellea (mar 2010 - mag 2010)
Paolo Campa (mag 2010 - lug 2010)
Annamarie Schlegel (ago 2010 - ott 2010)
Renzo Chiesa (feb 2011 - apr 2011)
Massimo Piazza (mag 2011 - set 2011)
Samantha Ongetta (set 2011 - nov 2011)
Riciclarte (nov 2011 - gen 2012)
Aldo Ezio Conelli "detto il Moriggia" (feb 2012 - apr 2012)
Mauro Poretti (mag 2012 - ago 2012)
Michela Torricelli (set 2012 - nov 2012)
Alberto Venditti (nov 2012 - feb 2013)
Leonardo Pecoraro (ago 2013 - nov 2013)
Piero De Battista (nov 2013 - gen 2014)
Celso Grandi (feb 2014 - mag 2014)
Milvia Quadrio (mag 2014 - ago 2014)
Biascart (Ivano Biasca) (ago 2014 - ott 2014)
Michela Valenti (feb 2015 - mag 2015)
Diana Todisco (mag 2015 - lug 2015)
Dalí presentato da Luca Notari
Fosca Rovelli (set 2015 - nov 2015)
Mario Diotalevi (nov 2015 - feb 2016)
Imre Lénart (feb 2018 - apr 2018)
Patrizia Stierli (apr 2018 - ago 2018)
Emilio Alberti (ago 2018 - nov 2018)
Monica Bisogno (nov 2018 - feb 2019)
Ribana Szutor (feb 2019 - mag 2019)
Alexandra von Burg (set 2019 - gen 2020)
    Disclaimer | Mandato di gestione | Regole deontologiche File PDF [393 KB] Ultima modifica

17 ottobre 2019