Celso Grandi (feb 2014 - mag 2014)
Proporzione aurea e sintesi del cosmo

Quando ci si confronta con l'opera di Celso Grandi sono due i particolari che colpiscono maggiormente l'occhio dell'osservatore: l'uso sapiente del colore e il rigore geometrico delle forme.(…) Le vere protagoniste dei quadri di Grandi sono però le sfumature. Il modo in cui i colori si combinano e si fondono dando vita a nuove tonalità è un nodo centrale della sua riflessione. (…) Indagare la fusione tra i colori, il loro mischiarsi, il loro mutare, significa raccontarne le storie, interrogarsi profondamente sulle parti che compongono la Natura, narrare di quegli invisibili fili che tengono  assieme il mondo, dando consistenza e vita alla materia e agli elementi. Cercando di ridurre la Realtà ai suoi tratti essenziali,  espressi attraverso le forme geometriche e il colore, Grandi compie un'analisi che è al contempo metapittorica, ossia segno di una pittura che ragiona essenzialmente su se stessa e sui suoi mezzi espressivi, e spirituale, in quanto indaga i rapporti segreti tra le cose, le leggi disarmoniche e armoniche che governano il nostro universo, l'essenza celata dietro ai fenomeni. Il cromatismo (…) diventa così un modo per superare l'apparenza delle cose e raggiungere l'Essere, la Verità. L'astrattismo di questo artista malcantonese si fonda quindi su elementi materici, fenomenici, fisici che diventano un mezzo per accedere a una dimensione altra, spirituale. L'interesse di Celso Grandi per la sezione aurea (…) è sintomatico di questa sua personale ricerca del trascendente condotta attraverso un rigoroso studio della forma. Ciò che lo spinge all'astrattismo è il tentativo di raggiungere una sintesi del cosmo per svelarne l'essenza e (…) potrebbero essere intesi come singoli frammenti di un disegno più grande, di un quadro  più esteso, quello dell'universo. (…) Sono dipinti che anche dal titolo  lasciano intravvedere la ricerca di una spiritualità, la voglia di scoprire il mistero dell'esistenza. Missione elevata, che Celso Grandi riesce però  a portare avanti con successo, convincendo l'osservatore che  contempla le sue opere che la Natura nasconde un mondo invisibile agli occhi. La pittura di questo artista è una finestra su una realtà altra, celata dietro la materia, ma di cui questa materia stessa si compone; Grandi guarda contemporaneamente al cielo e alla terra, alla metafisica e alla fisica, attraverso un astrattismo rigoroso e geometrico mai fine a se stesso, un astrattismo capace di sintesi e in grado di conciliare in se stesso, pur non annullandole, le contraddizioni
del cosmo. Assimilata la lezione di Kandinsky, Mondrian, Malevicˇ, Grandi si è incamminato per un sentiero proprio, in cui si mescolano Oriente e Occidente, passato e futuro, e in cui la sperimentazione pittorica è al contempo un modo per interrogare se stessi e la Natura.

Lia Galli, 2014



Il percorso artistico

Celso Grandi nasce nel 1959 a Lugano, dove nel 1974 inizia i suoi studi artistici presso il Centro Scolastico per le Industrie Artistiche (CSIA) di Lugano.

Dopo l'ottenimento del diploma, prosegue la sua formazione artistica all'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, dove nel 1983 si diploma alla facoltà di pittura.

Vive e lavora a Breno dal 1983.



Esposizioni collettive e illustrazioni:

1982 - Locarno istituto Magistrale, studenti Ticinesi a Brera
1984 - Palazzo dei Congressi, Lugano
1988 - Conza, Lugano in occasione del Festival Speciale Africa
1988 - Illustrazioni per "Il disonore dei poeti" di Benjamin Peret
1989 - Illustrazioni per "Lenin dada" di Dominique Noguez, Edizioni L'affranchi
1989 - Itinerante dedicata ai bambini sudafricani organizzata dal pittore Theo Gerber
1990 - Galleria Mars a Mosca (URSS)
1991 - Padiglione Conza, Primexpo, Lugano (scambio culturale Ticino – Mosca)
1998 - Concorso per l'arredo artistico dell'Archivio di Stato, Bellinzona
2001 - Studiokik Meyer e Piattini architettura, Lugano
2010 - Buffet della Stazione FFS, Lugano "Souvenir"

Esposizioni Personali:

1985 - Spazio "Formiche Verdi", Castelrotto
1994 - Spazio culturale "Agli Orti", Viganello
1996 - Ristorante Ronchetto, Comano
2013 - Vetrine Banca Arner, Lugano
2014 - Fondazione Extrafi d ART, Lugano

Archivio artisti
Marino Gabusi (ott 2001 - mag 2002)
Lorenzo Cambin (mag 2002 - ott 2002)
Mara Poretti (ott 2002 - feb 2003)
Marco Prati (mar 2003 - giu 2003)
Olga Yanucovich (set 2003 - gen 2004)
Pauli Gut (feb 2004 - giu 2004)
Loredana Müller (giu 2004 - sett 2004)
Claudio Viscardi (ott 2004 - gen 2005)
Laura Pellegrinelli (mar 2005 - giu 2005)
Elisabetta Diamanti (lug 2005 - ott 2005)
Charlotte Krantz (gen 2006 - mar 2006)
Gabriela Spector (feb 2006 - apr 2006)
Marcello Corrà (lug 2006 - ott 2006)
Jean François (ott 2006 - gen 2007)
Ruth Moro (feb 2007 - apr 2007)
Gianni Poretti (mag 2007 - lug 2007)
Dina Moretti (ago 2007 - ott 2007)
Charo Marin (nov 2007 - gen 2008)
Loredana Selene Ricca (feb 2008 - apr 2008)
Antonella Reale (mag 2008 - lug 2008)
Hanspeter Wyss (set 2008 - ott 2008)
Gregory Vincent (nov 2008 - gen 2009)
Paola Ravasio (feb 2009 - apr 2009)
Anna Sala (mag 2009 - giu 2009)
Fabiola Quezada (ago 2009 - ott 2009)
Mariano Salerno (nov 2009 - gen 2010)
Vittorio Dellea (mar 2010 - mag 2010)
Paolo Campa (mag 2010 - lug 2010)
Annamarie Schlegel (ago 2010 - ott 2010)
Renzo Chiesa (feb 2011 - apr 2011)
Massimo Piazza (mag 2011 - set 2011)
Samantha Ongetta (set 2011 - nov 2011)
Riciclarte (nov 2011 - gen 2012)
Aldo Ezio Conelli "detto il Moriggia" (feb 2012 - apr 2012)
Mauro Poretti (mag 2012 - ago 2012)
Michela Torricelli (set 2012 - nov 2012)
Alberto Venditti (nov 2012 - feb 2013)
Leonardo Pecoraro (ago 2013 - nov 2013)
Piero De Battista (nov 2013 - gen 2014)
Celso Grandi (feb 2014 - mag 2014)
Milvia Quadrio (mag 2014 - ago 2014)
Biascart (Ivano Biasca) (ago 2014 - ott 2014)
Michela Valenti (feb 2015 - mag 2015)
Diana Todisco (mag 2015 - lug 2015)
Dalí presentato da Luca Notari
Fosca Rovelli (set 2015 - nov 2015)
Mario Diotalevi (nov 2015 - feb 2016)
Imre Lénart (feb 2018 - apr 2018)
Patrizia Stierli (apr 2018 - ago 2018)
Emilio Alberti (ago 2018 - nov 2018)
Monica Bisogno (nov 2018 - feb 2019)
Ribana Szutor (feb 2019 - mag 2019)
Alexandra von Burg (set 2019 - gen 2020)
    Disclaimer | Mandato di gestione | Regole deontologiche File PDF [393 KB] Ultima modifica

20 agosto 2019