Gregory Vincent (nov 2008 - gen 2009)

Sulle orme dei pinguini
La ripetitività del soggetto come riflesso caricaturale, ironico, sarcastico, erotico e anche metafisico della condizione umana. Quindi non sono tanto i pinguini l'assunto di tante opere che hanno come tema ricorrente questi simpatici uccelli, ma sono uomini, donne e bambini; è un'umanità in un certo senso antropomorfica quella che con pazienza e precisione da certosino Vincent Gregory allinea nelle sue opere. Niente comunque a che fare con l'antropomorfismo di stampo disneyano. Piuttosto una ripetitività, una quasi inesorabilità ritmica sempr e diversa quanto inarrestabile come, per fare un esempio musicale, il "Boléro" di Ravel.
Guardiamole allora le bizzarre opere di quest'artista giramondo. Se ci si attarda sul coinvolgente "presi nel vortice" si è quasi presi da vertigine. Basta tuttavia spostare lo sguardo su "giro, giro tondo" o "bellezze al tramonto" per ritrovare equilibrio e dolce abbandono. Attingono invece alla attualità, anche drammatica, "alla ricerca di quale felicità?", "cloni come robot" e "bloccati nel traffico". Ne elenco solo alcuni. Personalmente mi divertono molto e a volte mi "intrigano" i "pinguini sommeliers", fitto di etichette di grandi marche di vini; la serie dedicata ai pinguini impiegati, positivi, nella giungla, in topless; quelli filosofici-meditativi come "il fiume della vita", "tra le correnti fredde" e altri ancora in cui traspare la predilezione dell'artista-pinguino per scrittori quali Kafka, Hesse, Garcia-Màrquez e per maestri del colore come Klee, Gaugin, Mirò e altri. Al di là di quel polare uccello, che non vola ma nuota come un pesce, nel quale l'artista riassume il mondo e l'umanità in  generale, la sua si rivela una pittura chiara, liquida, vivacissima, un movimento brulicante di forme e colori molto diversi da opera a opera.
L'occhio sovente si incanta e invita la mente a una minuziosa lettura dei particolari che nulla tolgono alla luminosa e contrastante "monumentalità" dell'insieme. Non si esagera affatto nel dire che è una specie di monumentalità la pinguinesca opera racchiusa in oltre duecento quadri. Se ci si attarda sui lavori che hanno preceduto la sua quasi insana passione per gli esponenti dell'ordine animale degli Sfeniscoformi, anche chi ha poche chiavi per penetrare a fondo nel demanio dell'arte (come il vostro cronista) non può non tirare strani e magari azzardati paralleli con il mondo fantastico e bizzarro del grande pittore fiammingo Jeronimus Bosch. Benché totalmente diversa e coercitiva nella ripetizione del soggetto centrale, la sua pittura rivela qua e là una proliferante selva di ossessioni e simbologie erotico-sessuali (senza complessi e alla spiaggia in topless), mistiche (rosso di sera pinguino spera), esistenziali (alla meditazione). Molte delle sue opere le si può anche considerare lettere d'amore che i pinguini dovrebbero riuscire a portare lontano. Da quanto si intuisce e da quanto ho osservato, l'impatto con la gente è sempre maggiore e queste specie di lettere-pinguini varcano gli oceani. Uscendo dall'atelier, con la testa ancora giocosamente affollata di pinguini e di sentimenti in bilico fra il nostro mondo e quello degli animali, penso che deve pur esistere un compromesso fra la straordinaria longevità dei pappagalli e l'effimera esistenza delle farfalle, così come fra il riso della iena e la mestizia del bue, ma anche fra il nostro modo di vivere e quello (perché no?) dei pinguini. Sicuramente la risposta è celata negli affollati quadri e mi è sfuggita. Be', è un'occasione per rifargli visita. Intanto, almeno un pinguino, giù in Patagonia o al Polo Sud, sono certo che continua a chiedersi se sia un uccello o un cameriere.
Eros Costantini
Giornalista e Opinionista, Lugano

Vincent Gregory nasce una cinquantina d'anni fa a Stresa (I) sul lago Verbano. Frequenta lo CSIA a Lugano cui seguono corsi in Italia e Messico. Attualmente vive e lavora tra monti, fiumi e laghi in Ticino (CH).
Ha sostenuto diverse esposizioni (personali e collettive) in Svizzera, Italia, Europa, USA e Messico.
Le sue opere si trovano in diverse collezioni pubbliche e private in CH, I, EU, USA, MEX e recentemente anche a Vanuatu (Polinesia).
Da quasi vent'anni realizza esclusiva-mente pinguini.

Esposizioni personali (scelta):
1980 Fonda De Andres, Monterrey Mex
1986 Galerie Am Platz, Eglisau ZH
1994 Unione di Banche Svizzere, Lugano
1995 Galleria San Fedele, Milano
1996 Società di Banche Svizzere, Lugano
2001 Galleria ArtWerk, Lugano
2003 (e 2004) Galleria Il Pozzo, Bellinzona
2007 Fondazione Clinica Varini, Orselina
2008 Fondazione Extrafid ART, Lugano

Esposizioni collettive (scelta):
2000 Post Scriptum, Roma
2002 Muri Vivaci, Gerra Gambarogno
2007 Centro Culturale Zerouno, Barletta
2007 Fondazione De Nittis, Bari
2007 Ventiperventi, Napoli
2007 Galleria Oldrado Da Ponte, Lodi
2008 Azzurra "Napoli nel cuore", Napoli
2008 Liberamente rosso, Napoli
Altre esposizioni in rete nei miei siti.

Alcune pubblicazioni
1983 calendario astrografico per il 1984
1984 calendario astrografico per il 1985
1985 libro "lungo la strada"
1987 rivista culturale "l'occhio" (9 num)
1993 "pinguini" libro di grafiche in b/n
2003 "pinguini" libro di grafiche a colori


[website]
Archivio artisti
Marino Gabusi (ott 2001 - mag 2002)
Lorenzo Cambin (mag 2002 - ott 2002)
Mara Poretti (ott 2002 - feb 2003)
Marco Prati (mar 2003 - giu 2003)
Olga Yanucovich (set 2003 - gen 2004)
Pauli Gut (feb 2004 - giu 2004)
Loredana Müller (giu 2004 - sett 2004)
Claudio Viscardi (ott 2004 - gen 2005)
Laura Pellegrinelli (mar 2005 - giu 2005)
Elisabetta Diamanti (lug 2005 - ott 2005)
Charlotte Krantz (gen 2006 - mar 2006)
Gabriela Spector (feb 2006 - apr 2006)
Marcello Corrà (lug 2006 - ott 2006)
Jean François (ott 2006 - gen 2007)
Ruth Moro (feb 2007 - apr 2007)
Gianni Poretti (mag 2007 - lug 2007)
Dina Moretti (ago 2007 - ott 2007)
Charo Marin (nov 2007 - gen 2008)
Loredana Selene Ricca (feb 2008 - apr 2008)
Antonella Reale (mag 2008 - lug 2008)
Hanspeter Wyss (set 2008 - ott 2008)
Gregory Vincent (nov 2008 - gen 2009)
Paola Ravasio (feb 2009 - apr 2009)
Anna Sala (mag 2009 - giu 2009)
Fabiola Quezada (ago 2009 - ott 2009)
Mariano Salerno (nov 2009 - gen 2010)
Vittorio Dellea (mar 2010 - mag 2010)
Paolo Campa (mag 2010 - lug 2010)
Annamarie Schlegel (ago 2010 - ott 2010)
Renzo Chiesa (feb 2011 - apr 2011)
Massimo Piazza (mag 2011 - set 2011)
Samantha Ongetta (set 2011 - nov 2011)
Riciclarte (nov 2011 - gen 2012)
Aldo Ezio Conelli "detto il Moriggia" (feb 2012 - apr 2012)
Mauro Poretti (mag 2012 - ago 2012)
Michela Torricelli (set 2012 - nov 2012)
Alberto Venditti (nov 2012 - feb 2013)
Leonardo Pecoraro (ago 2013 - nov 2013)
Piero De Battista (nov 2013 - gen 2014)
Celso Grandi (feb 2014 - mag 2014)
Milvia Quadrio (mag 2014 - ago 2014)
Biascart (Ivano Biasca) (ago 2014 - ott 2014)
Michela Valenti (feb 2015 - mag 2015)
Diana Todisco (mag 2015 - lug 2015)
Dalí presentato da Luca Notari
Fosca Rovelli (set 2015 - nov 2015)
Mario Diotalevi (nov 2015 - feb 2016)
Imre Lénart (feb 2018 - apr 2018)
Patrizia Stierli (apr 2018 - ago 2018)
Emilio Alberti (ago 2018 - nov 2018)
Monica Bisogno (nov 2018 - feb 2019)
Ribana Szutor (feb 2019 - mag 2019)
Alexandra von Burg (set 2019 - gen 2020)
    Disclaimer | Mandato di gestione | Regole deontologiche File PDF [393 KB] Ultima modifica

20 agosto 2019