Jean François (ott 2006 - gen 2007)

 

Nato a Milano nel 1921 da genitori svizzeri.

Durante la guerra collabora con il Comitato Internazionale della Croce Rossa a Ginevra.

Studia architettura a Zurigo, ottiene il diploma della ETHZ nel 1949 e una borsa di studio per un anno di specializzazione presso la University of Michigan a Ann Arbor (Stati Uniti).

Dal 1951 esercita la sua professione a Milano, inizialmente come libero professionista, più tardi in qualità di direttore responsabile della sua società di progettazione nel campo dell'architettura e dell'ingegneria.

Cerca e trova nel 1975 un contrappeso al suo lavoro nella pittura, alla quale si dedica soprattutto a partire dal 1985, quando si stabilisce a Samedan, in Engadina.

  

Musica in immagini

Chi ama la musica ed ascolta con piacere le opere dei grandi maestri avrà certamente fatto l'esperienza che quello che percepisce l'orecchio si ripropone allo sguardo interno come immagine di colore e di forme. Esempio chiaro di tali impressioni é Debussy, - chi non subirebbe l'evocazione di una immagine ascoltando una sua musica? Da Debussy infatti é sorto il desiderio, ricorda Jean-François, di esprimere musica in immagine.

Jean-François ha sempre amato la musica: é cresciuto in una famiglia dove il mondo dei suoni era sempre presente, e la musica lo ha accompagnato per tutta la sua vita. Debussy, che sentiva «la musica come gioco sensuale di suoni e colori» lo ha poi spinto alle prime tele ispirate a questa arte. Nel corso degli anni é nata così la serie di quadri «musica in immagine»……..

.................Dipingere la musica é forse possibile solo ricorrendo all'astrazione. Così questi quadri di Jean-François non sono figurativi: essi vivono di colore e di forme integrate dal colore. L'azzurro é indubbiamente il suo colore preferito, azzurro trattato in modo così sottilmente variato che il quadro acquista una profondità che affascina e che si perde, grazie all'inserimento di elementi gotici solo accennati, in uno spazio solenne. A questo si aggiunge il rosso, profondo ed infuocato, e poi il giallo ed il bianco che danno al quadro luce, gioia e un senso di trascendenza. Non meraviglia infine che la sua professione di architetto, esercitata con successo durante tutta la sua vita, abbia influito sulla sicura composizione dei quadri fino nel dettaglio.

Si aggiunge un terzo elemento: la parola. Per Jean-François il titolo di una opera musicale é importante, come lo sono le annotazioni del compositore che talvolta accompagnano la sua creazione. Così le impressioni suscitate dall'ascolto di una musica, i ricordi di concerti meravigliosi, e spesso le parole scelte dal musicista per integrare la sua opera, confluiscono nella creazione del quadro in una sintesi che ci convince e ci allieta………….

 

Marcella Maier
(traduzione CM)

 

Elenco delle Mostre

· Samedan 1981 Möbel Badraun

· St. Moritz 1981 Galerie im Heilbadzentrum

· St. Moritz 1984 Galerie im Heilbadzentrum

· St. Moritz 1987 Galerie im Heilbadzentrum

· Varese 1988 Galleria La Bilancia

· Zurich 1989 Galerie Zentrum

· Scuol 1990 Kollektivausstellung "Samedaner Maler"

· St. Moritz 1990 Galerie im Heilbadzentrum

· Ascona 1990 Galleria Gusberti

· Konolfingen 1991 Schloss Hünigen

· Zurich 1992 Galerie Zentrum

· Genève 1993 Espace Noga Hilton

· Genève 1995 Espace Noga Hilton

· Genève 1995 Galerie Noga Hilton

· Bern 1995 Galerie Ker Baye Fall

· St. Moritz 1996 Galerie im Heilbadzentrum

· Wessling, München 1997 Galerie Ildiko Risse

· Balerna 1999 Sala del Torchio

· Cureglia 1999 Palazzo Rusca

· Vigevano 1999 Galleria Ducale

· Milano 2000 Galleria Feltrinelli

· St. Moritz 2001 Galerie im Heilbadzentrum

· Genève 2001 Galerie Cigarini

· Marbella 2002 Galleria El Catalejo

· Milano 2002 Galleria Cappelletti

· Genève 2003 Galerie Cigarini

· Cureglia 2005 Palazzo Rusca

· Madulain 2005 Chesa Strimer

· Genève 2006 Galerie Cigarini

· Samedan 2006 Galerie Punt

 


Archivio artisti
Marino Gabusi (ott 2001 - mag 2002)
Lorenzo Cambin (mag 2002 - ott 2002)
Mara Poretti (ott 2002 - feb 2003)
Marco Prati (mar 2003 - giu 2003)
Olga Yanucovich (set 2003 - gen 2004)
Pauli Gut (feb 2004 - giu 2004)
Loredana Müller (giu 2004 - sett 2004)
Claudio Viscardi (ott 2004 - gen 2005)
Laura Pellegrinelli (mar 2005 - giu 2005)
Elisabetta Diamanti (lug 2005 - ott 2005)
Charlotte Krantz (gen 2006 - mar 2006)
Gabriela Spector (feb 2006 - apr 2006)
Marcello Corrà (lug 2006 - ott 2006)
Jean François (ott 2006 - gen 2007)
Ruth Moro (feb 2007 - apr 2007)
Gianni Poretti (mag 2007 - lug 2007)
Dina Moretti (ago 2007 - ott 2007)
Charo Marin (nov 2007 - gen 2008)
Loredana Selene Ricca (feb 2008 - apr 2008)
Antonella Reale (mag 2008 - lug 2008)
Hanspeter Wyss (set 2008 - ott 2008)
Gregory Vincent (nov 2008 - gen 2009)
Paola Ravasio (feb 2009 - apr 2009)
Anna Sala (mag 2009 - giu 2009)
Fabiola Quezada (ago 2009 - ott 2009)
Mariano Salerno (nov 2009 - gen 2010)
Vittorio Dellea (mar 2010 - mag 2010)
Paolo Campa (mag 2010 - lug 2010)
Annamarie Schlegel (ago 2010 - ott 2010)
Renzo Chiesa (feb 2011 - apr 2011)
Massimo Piazza (mag 2011 - set 2011)
Samantha Ongetta (set 2011 - nov 2011)
Riciclarte (nov 2011 - gen 2012)
Aldo Ezio Conelli "detto il Moriggia" (feb 2012 - apr 2012)
Mauro Poretti (mag 2012 - ago 2012)
Michela Torricelli (set 2012 - nov 2012)
Alberto Venditti (nov 2012 - feb 2013)
Leonardo Pecoraro (ago 2013 - nov 2013)
Piero De Battista (nov 2013 - gen 2014)
Celso Grandi (feb 2014 - mag 2014)
Milvia Quadrio (mag 2014 - ago 2014)
Biascart (Ivano Biasca) (ago 2014 - ott 2014)
Michela Valenti (feb 2015 - mag 2015)
Diana Todisco (mag 2015 - lug 2015)
Dalí presentato da Luca Notari
Fosca Rovelli (set 2015 - nov 2015)
Mario Diotalevi (nov 2015 - feb 2016)
Imre Lénart (feb 2018 - apr 2018)
Patrizia Stierli (apr 2018 - ago 2018)
Emilio Alberti (ago 2018 - nov 2018)
Monica Bisogno (nov 2018 - feb 2019)
Ribana Szutor (feb 2019 - mag 2019)
Alexandra von Burg (set 2019 - gen 2020)
    Disclaimer | Mandato di gestione | Regole deontologiche File PDF [393 KB] Ultima modifica

20 agosto 2019