Gabriela Spector (feb 2006 - apr 2006)

 

www.gabrielaspector.com

 

Biografia   

Gabriela Spector è nata  nel nord dell' Argentina, nella città di Tucumán, nel l968 . Ha studiato per sei anni all'università, "Facultad de Bellas Artes de Tucumán" , prima di partire per approfondire la sua formazione di scultrice grazie ad una borsa di studio. Giunta a Milano a 23 anni, ha lavorato presso la Fonderia Artistica Battaglia utilizzando la tecnica di fusione in bronzo . Agli inizi degli anni Novanta il percorso di studio è continuato all'Accademia di Belle Arti di Carrara, ove si è perfezionata nella lavorazione del marmo. Dal 1994 abita in Ticino, Svizzera.

Mostre personali

1993  Villa Cusani, Carate Brianza, Milano

1994  Atelier Pedano, Milano

1995  Casa Argentina. Roma

          San Martín, Buenos Aires

          Universidad Nacional de Tucumán

1996  Consolato Argentino di Milano

1997  Sala S. Rocco, Lugano

          Galleria Bovien, Aurigeno

          Finter Bank, Chiasso

1998  Oratorio San Rocco, Pte Capriasca

          Sala del Torchio, Balerna

1999  Galleria Artemondo, Saronno

          Galerie Rahn, Zurich

          Galleria La Nevera, Gordola

          Galerie Am Bogen, Bremgarten

2000  Galerie Elfi Bohrer , Bonstetten, ZH

          Galleria La loggia , Carona

2002  Galerie Elfi Bohrer , Bonstetten, ZH

          Galerie Werkart, San Gallo

2002  Galerie Elfi Bohrer, Bonstetten(ZH)

         "Voglia di pancia",  Mendrisio

2003  "Momento di pausa", Mendrisio

2004  Municipio di Camorino

         Galerie "Im Kies" Altach- Austria

2005 Galerie Elfi Bohrer , Bonstetten, ZH

 

 SCULTURE DI GABRIELA SPECTOR

Benché molto giovane, Gabriela Spector, argentina di nascita ma con avi europei, in Europa è giunta con alle spalle una solida formazione artistica, avvenuta nella città natale di Tucumán, dove, tra l'altro, in quegli anni, ha realizzato una scultura di grandi dimensioni, in tecnica mista, per un esercizio pubblico della città, ideato scenografie teatrali nonché disegni per libri e riviste. Vi sono già, in nuce, alcuni elementi riconoscibili del suo essere artista, anche se comprensibilmente determinati dalla giovane età, dalla legittima ricerca di una propria strada. E tuttavia, più ancora della predisposizione a variare la gamma dei registri espressivi, appare a noi significativa la vocazione a raccontare con le immagini, a narrare. Anche oggi, a distanza di un decennio e più, l'artista tende a prediligere la scultura come racconto, anche quando la dimensione di controcanto, quella che mira a sublimare un'immagine assolutizzandone la forma, insidia la sua vocazione primaria. Nelle accennate prove d'esordio a Tucumán, figurano tra l'altro scenografie teatrali. Non è casuale, così almeno crediamo, al di là delle circostanze che le hanno suggerite, ma peculiare a una natura istintivamente armata dall'esigenza di esprimere la condizione umana nel suo manifestarsi in un contesto definito, nel quale la figura e la realtà circostante interagiscono. Di qui, anche, il ricorso a una figurazione che a volte sconfina nel descrittivismo, quasi a volerne fermare e fissare il racconto, rivelarne le trame psicologiche, oltre a valori formali assoluti. I quali, invece, in altre opere, tendono a prevalere, pur senza mai negare i contenuti d'origine. Nel già ricco e variegato mondo espressivo di Gabriela Spector, non è infatti impossibile scorgervi due polarità che coesistono, e che hanno, ai vertici di una tradizione italiana del moderno a lei non ignota, le figure di Arturo Martini e di Fausto Melotti, e che poi, in modi diversi, nel dopoguerra, trovano sviluppi in altri scultori: da Cherchi a Tavernari, da Cavaliere a Ghinzani, ad altri. Alludiamo ai cosiddetti "teatrini", che poi assumono altre denominazioni, e che sono in sostanza luoghi in cui avvengono suggestive azioni poetiche, tra memoria e realtà, alle quali contribuiscono l'evocazione dell'antico, con la sua classicità primitiva, da un lato; dall'altro, la sensibilità per una condizione "allarmata" dell'essere umano contemporaneo, che spesso suggerisce soluzioni espressioniste. Gabriela Spector si muove, a seconda delle circostanze, tra questi mondi, e per la loro rappresentazione e trasfigurazione, nel tempo, ricorre anche a materiali diversi: dai gessi policromi alla terracotta, dal marmo al bronzo.
Qualche anno fa, in una felice tappa della sua esistenza umana e artistica, in attesa di diventare madre, si sentì ispirata da quella condizione, e creò delle figure di forte impatto emotivo, oltre che di suggestione formale, ricorrendo alla tecnica del "calco dal vero", in uso soprattutto nell'800, ma anche dopo, cui si prestarono altre donne in attesa del lieto evento. Fu quindi allestita, nel luogo del parto, l'ospedale di Mendrisio, la rassegna delle opere così create, denominata "Voglia di pancia", che costituì per l'artista un vero doppio evento, umano e artistico, e per il pubblico l'occasione di ammirare un'esperienza insolita, per certi versi unica. È stata semplicemente una parentesi, anche se straordinaria, legata alla maternità? Al di là dei contenuti, per la scultrice si è trattato della scoperta (o riscoperta) del primato della forma-volume, anche se grazie al metodo del calco dal vivo, nella dimensione naturale, che non era più quella da lei praticata, e neppure lo sarà dopo, almeno fin qui. Certo, delle esperienze precedenti, ma su scala diversa, è sopravvissuta la propensione al "racconto", e anche, al "teatro", benché nella circostanza la condizione di vita reale abbia agito sullo stesso piano della sua rappresentazione, ispirandola, a tratti dettandola. Ad eccezione di alcuni momenti espressivi, laddove l'artista ha scelto di privilegiare singoli aspetti del corpo e di sacrificarne altri (il volto, in particolare). Tuttavia, quella ricordata ci sembra una fase circoscritta della sua esperienza complessiva, che poi ha ripreso il suo filo conduttore, pur nella varietà dei temi, dei linguaggi, dei materiali. Anche i formati si sono ridimensionati, e le figure tornate sottili, non chiuse nella cifra realistico-simbolica, ma dialoganti con lo spazio circostante, dentro il quale s'interrogano e interrogano, rivelando una leggerezza che ne adombra la fragilità esistenziale. Riflettono pure, non solo dal profilo formale, l'incertezza del nostro tempo, l'insicurezza che assale chi è chiamato a esprimerlo con le immagini, e dunque l'artista, con il suo carico di felicità e di sofferenza, di rivolte e di appagamento, di intuizioni e di crisi. 
La misura evocativa, ben presente nei racconti scultorei di Gabriela Spector, esprime il bisogno di accompagnare i dubbi, gli interrogativi, la voglia di libertà con alcune certezze che fanno parte del vissuto, della memoria. A volte, possono persino disorientare per il loro eclettismo formale. Eppure, dietro a questa precarietà, si sente la natura dell'artista, la sua vocazione per la scultura, il suo mettersi in gioco, il suo aprirsi anziché chiudersi, oltre il previsto, alle istanze profonde che animano la creazione. Il suo darne puntuale testimonianza.

Claudio Nembrini
In occasione della mostra a Camorino
dicembre -gennaio 2004-2005

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Archivio artisti
Marino Gabusi (ott 2001 - mag 2002)
Lorenzo Cambin (mag 2002 - ott 2002)
Mara Poretti (ott 2002 - feb 2003)
Marco Prati (mar 2003 - giu 2003)
Olga Yanucovich (set 2003 - gen 2004)
Pauli Gut (feb 2004 - giu 2004)
Loredana Müller (giu 2004 - sett 2004)
Claudio Viscardi (ott 2004 - gen 2005)
Laura Pellegrinelli (mar 2005 - giu 2005)
Elisabetta Diamanti (lug 2005 - ott 2005)
Charlotte Krantz (gen 2006 - mar 2006)
Gabriela Spector (feb 2006 - apr 2006)
Marcello Corrà (lug 2006 - ott 2006)
Jean François (ott 2006 - gen 2007)
Ruth Moro (feb 2007 - apr 2007)
Gianni Poretti (mag 2007 - lug 2007)
Dina Moretti (ago 2007 - ott 2007)
Charo Marin (nov 2007 - gen 2008)
Loredana Selene Ricca (feb 2008 - apr 2008)
Antonella Reale (mag 2008 - lug 2008)
Hanspeter Wyss (set 2008 - ott 2008)
Gregory Vincent (nov 2008 - gen 2009)
Paola Ravasio (feb 2009 - apr 2009)
Anna Sala (mag 2009 - giu 2009)
Fabiola Quezada (ago 2009 - ott 2009)
Mariano Salerno (nov 2009 - gen 2010)
Vittorio Dellea (mar 2010 - mag 2010)
Paolo Campa (mag 2010 - lug 2010)
Annamarie Schlegel (ago 2010 - ott 2010)
Renzo Chiesa (feb 2011 - apr 2011)
Massimo Piazza (mag 2011 - set 2011)
Samantha Ongetta (set 2011 - nov 2011)
Riciclarte (nov 2011 - gen 2012)
Aldo Ezio Conelli "detto il Moriggia" (feb 2012 - apr 2012)
Mauro Poretti (mag 2012 - ago 2012)
Michela Torricelli (set 2012 - nov 2012)
Alberto Venditti (nov 2012 - feb 2013)
Leonardo Pecoraro (ago 2013 - nov 2013)
Piero De Battista (nov 2013 - gen 2014)
Celso Grandi (feb 2014 - mag 2014)
Milvia Quadrio (mag 2014 - ago 2014)
Biascart (Ivano Biasca) (ago 2014 - ott 2014)
Michela Valenti (feb 2015 - mag 2015)
Diana Todisco (mag 2015 - lug 2015)
Dalí presentato da Luca Notari
Fosca Rovelli (set 2015 - nov 2015)
Mario Diotalevi (nov 2015 - feb 2016)
Imre Lénart (feb 2018 - apr 2018)
Patrizia Stierli (apr 2018 - ago 2018)
Emilio Alberti (ago 2018 - nov 2018)
Monica Bisogno (nov 2018 - feb 2019)
Ribana Szutor (feb 2019 - mag 2019)
Alexandra von Burg (set 2019 - gen 2020)
    Disclaimer | Mandato di gestione | Regole deontologiche File PDF [393 KB] Ultima modifica

20 agosto 2019